Ricerca avanzata
Categorie
Agricoltura
Altro
Azienda
Codicistica
Concorsi
Enti Locali
Finanza Borsa Impresa
Fisco e Contabilità
Giurisprudenza e diritto
Informatica
Ingegneria e Tecnica
Lavoro
Medicina
Narrativa
Salute e Benessere
Sicurezza
Sport
Universita
Varia
Editori
AED SELINO
CACUCCI EDITORE SAS
CEDAM
DEI Tipografia del Genio Civile
DIKE GIURIDICA
EDI BLUES
EDITRICE LA STRADA
EDIZIONI PLAN LA SPIGA
EPC Editore
GIAPPICHELLI EDITORE
IPSOA Edizioni
LA TRIBUNA
LSWR
MAGGIOLI SPA
NANE EDIZIONI
NELDIRITTO EDITORE
NLD CONCORSI
PACINI EDITORE
PRIMICERI EDITORE SRLS
SINTESI
SOLE 24 ORE
UTET Giuridica
Scheda Libro
ABUSO DEL DIRITTO ALTRUI
UNA FIGURA FORMALE DI QUALIFICAZIONE GIURIDICA
Autore: FIORDALISI
Categoria: Giurisprudenza e diritto
Editore: GIAPPICHELLI EDITORE
Cod. Editore:
ISBN: 9788892135055
Pubblicazione: Luglio 2020
Pagine: 233
Prezzo: € 29,00
Descrizione
L'A. prospetta una concezione normativa dell'abuso del diritto, rigorosamente radicata nelle norme di tutela dei diritti individuali dalle azioni pericolose o lesive poste in essere da chi esercita un diritto, pertanto, respinge l'idea diffusa in dottrina, per la quale l'abuso del diritto sarebbe un limite interno del diritto incentrato sull'interesse o sul valore che il diritto esercitato reca in se medesimo, e per la quale l'abuso si risolverebbe in uno sviamento dall'interesse del titolare del diritto esercitato. In base alla qualificazione logico-formale dell'abuso, è possibile riconoscerlo in modo più preciso con una fattispecie parziale e una completa, perché il dovere di tutelare il diritto altrui, essendo generico, si pone inizialmente come limite esterno all'esercizio del diritto proprio e, una volta esaurito il necessario processo di specificazione concreta del valore del diritto dell'altro e di determinazione dell'azione realizzatrice del dovere stesso, conforma le modalità dell'esercizio di un diritto. È un processo che permette il posizionamento dell'interesse specifico altrui all'interno della fattispecie complessiva, governata dalla norma-reale. Il giudice deve confrontare tale limite (incentrato sull'iniuria), esterno al diritto esercitato, con la causa oggettiva dell'attività giuridica compiuta, cioè con la funzione svolta in concreto dall'atto o dagli atti di esercizio del diritto posti in essere.
Dello stesso Autore
IL MIO PROFILO

Login Registrati
Bookway s.r.l. P.Iva 14047581005 - E-mail:segreteria@bookway.com - Powered by EUROINFOLAB